A CHI SI RIVOLGE

A chiunque, dall’adolescenza in poi, necessiti di fare chiarezza in un momento particolare della propria vita, o abbia bisogno di un sostegno temporaneo per affrontare una situazione difficile o dolorosa.
Per i minorenni è richiesta l’autorizzazione scritta dei genitori.

ALCUNI ESEMPI PER IL SINGOLO

  • Conflitti adolescenziali
  • Disadattamento (cambiamenti gravi o improvvisi come un lutto o andare in pensione o una malattia)
  • Ricerca d’identità (necessità di cambiamento personale – disagio interiore – confusione)
  • Difficoltà relazionale
  • Rapporti conflittuali (eccesso di aggressività o di remissività)
  • Gestione dello stress
  • Paure (di amare – di assumersi responsabilità – di essere lasciati – di stare da soli – di legarsi – di fallire – di cambiare)
  • Sensi di colpa schiaccianti
  • Disistima
  • Atteggiamento depressivo

ALCUNI ESEMPI PER LA COPPIA

  • Scelta del partner
  • Accompagnamento al matrimonio (gestione dello stress prematrimoniale)
  • Supporto durante la gravidanza (prevenzione alla depressione post-parto)
  • Assistenza ai neo-genitori (riequilibrio dello stato familiare alterato – ridefinizione dei ruoli – salvaguardia della coppia)
  • Sindrome del nido vuoto (quando i figli vanno via di casa e la famiglia ridiventa coppia o singolo)
  • Difficoltà di comunicazione
  • Disarmonia e conflitti di coppia
  • Problemi di relazione e sessuali
  • Tradimento
  • Separazione

ALCUNI ESEMPI PER LA FAMIGLIA

  • Rapporto genitori-figli
  • Sostegno alla genitorialità (supporto al ruolo educativo del genitore – gestione delle crisi adolescenziali)
  • Adozione

A CHI NON SI RIVOLGE

Alle persone che hanno subito un trauma grave e violento, recente o passato, vissuto come evento unico o ripetuto nel tempo, (abusi sessuali – violenze fisiche o psicologiche – shock ecc.) e alle persone interessate da patologie cliniche (psicosi – nevrosi – schizofrenia – bipolarismo – dipendenze – depravazioni ecc)

Tali persone saranno inviate ad uno specialista competente, in quanto il Consulente Familiare puo’ contare su un’equipe di professionisti che spaziano dallo psicoterapeuta, allo psicologo, allo psichiatra, al neurologo, all’avvocato, al consulente etico, al sessuologo ecc. fermo restando che in alcuni casi è anche possibile seguire contestualmente la persona sia dal punto di vista clinico che relazionale.

Ai bambini, in quanto è necessaria la volontà e la consapevolezza della persona

I genitori potranno essere supportati dal Consulente nel verificare la relazione genitore-figlio e in caso di intervento diretto sul minore, previa autorizzazione del genitore, si potrà contare sulla professionalità di psicologi dell’età evolutiva, psicopedagogisti ecc.